Santeramo, ci sono i lupi. Giovane esemplare ucciso da automobilista

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno Puglia del 13 agosto 2010

*Foto di Pasquale Spalluto – Lupo morto rinvenuto il 4 luglio 2010 sulla SS7 nei pressi di Matera.

SANTERAMO – Un giovane lupo è stato trovato morto, sulla provinciale 128 Santeramo-Laterza, al chilometro 6,500, investito molto probabilmente da un automobilista. A segnalarlo all’ufficio Ambiente del Comune un cittadino santermano, allevatore di ovini. Convintissimo che si trattava proprio di un lupo e per evitare che l’animale fosse ulteriormente travolto da altre auto lo ha meticolosamente spostato sul ciglio della strada anche perché si potesse accertare, senza ombra di dubbio, che si trattava di un lupo.

Sul posto, quindi, Giovanni Canal, responsabile dell’ufficio comunale, insieme con un ufficiale della Polizia municipale addetto ai controlli ambientali, i quali, esterrefatti, hanno constatato che lo splendido animale, che giaceva morto ai bordi della strada, sicuramente non era un cane. Subito hanno allertato il servizio veterinario della Asl. Gli esperti, giunti sul posto, da un primo esame visivo, dalla conformazione anatomica dell’animale (colore del mantello, dentatura, struttura della testa e della mandibola), hanno confermato senza esitazioni che effettivamente si trattava proprio di un lupo di circa tre anni.

Sicuramente è il primo lupo che è rinvenuto nel territorio santermano in tempi recenti, anche se in realtà c’erano state diverse segnalazioni da parte di allevatori di capi di bestiame aggrediti e uccisi: galline, conigli, pecore. Molte poi le segnalazioni di agricoltori che avevano visto le loro greggi di ovini assalite negli ovili.

di ANNA LARATO

1 commento su “Santeramo, ci sono i lupi. Giovane esemplare ucciso da automobilista”

  1. il lupo “cattivo” torna a far paura..
    “greggi di ovini assalite negli ovili” “capi di bestiame aggrediti e uccisi”…e intanto si avvicina la Pasqua e si prepara lo sterminio di migliaia di agnelli che riempiranno le nostre tavole…e l’ipocrisia regna sovrana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.