Lupo immortalato da fototrappola in Alto Adige

  • by

Fonte: Sito della Provincia di Bolzano del 16 agosto  2011   www.provincia.bz.it/aprov/amministrazione/service/attualita.asp?aktuelles_action=4&aktuelles_article_id=370497

Una delle fototrappole di cui si avvale l’Ufficio caccia e pesca per monitorare gli spostamenti degli orsi ha, invece causalmente “intrappolato” un lupo nella zona di Madonna di Senale.

Nell’ambito delle attività di monitoraggio dell’orso svolte dall’Ufficio caccia e pesca su incarico della Giunta provinciale nelle zone di frequentazione del plantigrado, rientra il posizionamento di fototrappole in punti di possibile passaggio degli animali, allo scopo di confermare l’eventuale presenza dell’orso e di comprendere se si tratta di uno o più individui.
Le fototrappole utilizzate consentono, a seconda dell’impostazione scelta, di scattare fotografie o brevi filmati. Comprensibilmente, oltre all’orso, vengono immortalati anche gli animali comunemente presenti nel bosco: caprioli, cervi, volpi, faine.
Inaspettatamente, è stato possibile riprendere anche un filmato di un lupo, che si trovava nei boschi del comune di Madonna di Senale. Verosimilmente, si tratta del lupo M24, già identificato tramite analisi genetiche nell’aprile 2010 in Trentino, nel Gruppo del Brenta e a luglio 2010, in Alto Adige, in Val d’Ultimo. Il lupo in questione è un maschio, che nell’anno 2009 si trovava in Engadina, in Svizzera.
Durante la primavera 2011, il ritrovamento di 1 predazione su di un cervo di 1 anno d’età a S. Pancrazio aveva fatto supporre che il lupo fosse ancora presente nella zona, ma le analisi geniche non avevano avuto esito. A distanza di un anno, viene ora, quindi, riconfermata la presenza del lupo nella zona di confine tra la provincia di Trento e quella di Bolzano, la stessa frequentata dall’orso.
Il video, ripreso il 30 giugno 2011, mostra come il lupo sia in buone condizioni fisiche.
Nell’anno 2010 il lupo M24 si era reso responsabile di alcune predazioni a pecore, capre e aveva attaccato anche due vitelli. Nell’anno 2011 non vi sono state, per ora, predazioni in Alto Adige riconducibili al lupo. Il giorno 16 luglio 2011, nell’ambito di un censimento al camoscio svoltosi in provincia di Trento, nel Gruppo delle Maddalene, un gruppo di cacciatori afferma di aver potuto osservare il lupo a distanza, tramite il binocolo.

Il video può essere scaricato dal sito internet:
www.provincia.bz.it/foreste/fauna-caccia/ricerca.asp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *